IUC-TASI - Comune di Pianoro

Guida ai servizi - Comune di Pianoro

IUC-TASI

Responsabile del procedimento: Dott.ssa Laura Ciancabilla
  • Soggetto titolare del potere sostitutivo in caso di inerzia

  • Titolare del potere sostitutivo: Non previsto
  • Modalità di attivazione del potere sostitutivo: Assenza del responsabile
  • Unità organizzativa responsabile dell’istruttoria: Tributi

  • Responsabile dell'ufficio: Pietro Davia
  • Telefono: 051 6529141
  • Email: servizio.tributi@comune.pianoro.bo.it
  • Contatti:
    Piazza dei Martiri, 1 - Pianoro - (Bo)
    Barbara Medini 051 6529120
    Donatella Gallucci 051 6529126
  • Operatori:
    Barbara Medini
    Donatella Gallucci
  • Orari: dal lunedì al venerdi 08.30/12.30
    solo su appuntamento
  • Ufficio competente all'adozione del provvedimento finale: Tributi

  • Responsabile dell'ufficio: Pietro Davia
  • Telefono: 051 6529141
  • Email: servizio.tributi@comune.pianoro.bo.it
  • Contatti:
    Piazza dei Martiri, 1 - Pianoro - (Bo)
    Barbara Medini 051 6529120
    Donatella Gallucci 051 6529126
  • Operatori:
    Barbara Medini
    Donatella Gallucci
  • Orari: dal lunedì al venerdi 08.30/12.30
    solo su appuntamento
Cos'è: La Legge di stabilità n. 147 del 27/12/2013 ha stabilito che a decorrere dall'1/01/2014 è istituita l'imposta unica comunale (IUC).
La IUC si compone dell'imposta municipale propria (IMU), di natura patrimoniale, dovuta dal possessore d'immobili, escluse le abitazioni principali, e di una componente riferita ai servizi, che si articola nel tributo per i servizi indivisibili (TASI), a carico sia del possessore che dell'utilizzatore dell'immobile, e nella tassa sui rifiuti (TARI), destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti a carico dell'utilizzatore.


Chi può richiederlo: Soggetti passivi
Il soggetto passivo è il possessore o detentore di fabbricati ed aree fabbricabili. Nel caso in cui l'oggetto imponibile è occupato da un soggetto diverso dal titolare del diritto reale quest'ultimo e l'occupante sono titolari di un'autonoma obbligazione tributaria. L'occupante versa la tasi nella misura, compresa tra il 10 e il 30 per cento, del tributo complessivamente dovuto in base all'aliquota applicabile per la fattispecie imponibile occupata. La percentuale dovuta dall'occupante è fissata dal consiglio comunale con delibera di approvazione delle aliquote. La restante parte è dovuta dal possessore. In caso di detenzione temporanea di durata non superiore a sei mesi nel corso dello stesso anno solare, la Tasi è dovuta soltanto dal possessore dei locali e delle aree a titolo di proprietà, l'usufrutto, uso,abitazione e superficie. In caso di pluralità di possessori o di detentori, esse sono tenute in solido all'adempimento dell'unica obbligazione tributaria. Al fiine di semplificare gli adempimenti posti a carico dei contribuenti, ogni possessore ed ogni detentore effettua il versamento in ragione della propria percentuale di possesso o di detenzione, avendo riguardo alla destinazione, per la propria quota, del fabbricato o dell'area edificabile, conteggiando per intero il mese nel quale il possesso o la detenzione si sono protratti per almeno quindici giorni.
A chi è destinato: Presupposto impositivo
Il presupposto impositivo della TASI è il possesso o la detenzione a qualsiasi titolo di fabbricati, ivi compresa l'abitazione principale, come definita ai fini dell'imposta municipale propria, di aree scoperte nonchè di quelle edificabili, a qualsiasi uso adibite ad eccezione dei terreni agricoli. Pertanto tra i soggetti obbligati al versamento rientrano anche i possessori d'immobili adibiti ad abitazione principale esclusi dall'imu nell'anno 2013.
Spese a carico dell'utente: La base imponibile è quella prevista per l'applicazione dell'imposta municipale propria (IMU) di cui all'art.13 del Decreto legge 6/12/2011 n. 201 convertito con modificazione dalla legge 22/12/2011 n.214.
La base imponibile è costituita dal valore degli immobili: fabbricati, terreni agricoli e aree fabbricabili.

Le categorie d'immobili che versano la Tasi sono di seguito elencati:
- le unità immobiliari delle categorie A/1, A/8. A/9 adibite ad abitazione principale e ad esse equiparate dei soggetti passivi e loro pertinenze.
Per abitazione principale si intende l'immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, nel quale il possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente. Per pertinenze dell'abitazione principale si intendono esclusivamente quelle classificate nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7, nella misura massima di un'unità pertinenziale per ciascuna delle categorie catastali indicate, anche se iscritte in catasto unitamente all'unità ad uso abitativo.

- i fabbricati rurali strumentali;

- i fabbricati costruiti e destinati dall'impresa costruttrice alla vendita (immobili merce) fintanto che permanga tale destinazione e non siano in ogni caso locati:

Il Tributo Tasi per l'anno 2019 non viene applicato a tutti gli altri immobili ed aree edificabili.
Modalità per l'effettuazione dei pagamenti il pagamento del tributo dovrà essere effettuato in due rate entro le seguenti scadenze:

la prima rata (acconto) entro il 17 Giugno 2019
La seconda rata (saldo) entro il 16 Dicembre 2019
E' possibile versare l'intero ammontare del tributo entro la prima scadenza.

Il versamento del tributo dovrà essere effettuato dal contribuente in autoliquidazione.

L'Agenzia delle entrate con la risoluzione n.46/E del 24/04/2014 ha istituito i codici tributo per versare la Tasi tramite modello F24.
Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (141 valutazioni)